Cart

No item to Cart
Total: €0.00

Cart

You have 0 products

Ingo Maurer (Reichenau, 12 maggio 1932 – Monaco di Baviera, 21 ottobre 2019) è stato un rinomato designer e imprenditore tedesco specializzato nel design di apparecchi di illuminazione. Dopo aver lavorato come tipografo in Germania e Svizzera e aver completato gli studi di grafica a Monaco di Baviera nel 1958, ha vissuto tra New York e San Francisco come designer indipendente dal 1960 al 1963. Nel 1960 ha fondato l'azienda Design M, successivamente nota come Ingo Maurer GmbH. Una delle prime creazioni dell'azienda è stata la lampada da tavolo Bulb (1966), realizzata in metallo cromato lucido e cristallo soffiato.

Nel corso degli anni, l'azienda ha prodotto numerose altre lampade ideate da Maurer, molte delle quali sono entrate a far parte della collezione di design del Museum of Modern Art di New York. Tra queste vi sono Gulp (1969), Light Structure (1970), Little Black Nothing, il sistema a basso voltaggio YaYaHo (1988), Los Minimalos Dos, Lucellino Wall, Wo bist Du, Edison e Zettel'z (1999) basata su un bozzetto del 1998 di Doriano Golfetto (ex studente dell'Università IUAV), Campari Light (2002) sempre da un bozzetto di Doriano Golfetto e Porca Miseria! (2003).

Sono state organizzate mostre ed esposizioni dedicate a Ingo Maurer o curate da lui in diverse città in Europa e nel resto del mondo. Alcuni esempi includono Parigi (Ingo Maurer Lumière aha SoSo, 1986, e Ingo Maurer: Lumière Hasard Réflexion, 1989), San Pietroburgo (Design... ?? - - !! Illuminazione di Ingo Maurer e del suo team/commando presso il Museo etnografico russo, 1992), Monaco di Baviera (Ingo Maurer: Arbeiten mit Licht presso il Museo Villa Stuck, 1992), Amsterdam (Licht licht presso lo Stedelijk Museum, 1993), Colonia (Tales of light, 1998), New York (Projects 66 presso il Museum of Modern Art, 1998), Barcellona (Ingo Maurer. Passiò per la Llum, 2001) e Francoforte (Ephemer Visionär Ingo Maurer. Licht, 2002). Alcune delle sue installazioni sono state anche presenti nelle stazioni Westfriedhof e Münchner Freiheit della metropolitana di Monaco di Baviera. Grazie all'importanza della sua ricerca nel campo dell'illuminazione,

Maurer ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui il Premio di Design della città di Monaco di Baviera (1999), il Primavera del Disseny a Barcellona (2001) e il premio Georg Jensen a Copenaghen nel 2003. Nel 2005 è stato nominato Royal Designer of Industry dalla Royal Society of Arts di Londra, e un anno dopo gli è stata conferita la laurea honoris causa al Royal College of Art. Nel 2011 è stato premiato con il Compasso d'Oro dall'Associazione per il Disegno Industriale. Ingo Maurer è scomparso il 21 ottobre 2019 all'età di 87 anni..

Powered by Passepartout
Designed by Gestionale Toscana Srl